AMERICAN ARCHITECTS MEET ITALIAN DESIGN

Design e Architettura a New York dal 16 al 18 maggio.

A New York, in occasione della settimana del design, INTERNI il magazine del design e dell’architettura contemporanea, e il Salone del Mobile.Milano, la più importante fiera internazionale dell’arredo, organizzano “American Architects meet Italian Design”, un circuito di incontri che promuove il dialogo tra il mondo della progettazione e il mondo della produzione, coinvolgendo grandi studi di architettura internazionali e le aziende italiane, simbolo di storia e di cultura del design.

Dal 16 al 18 maggio i più rappresentativi flagship store del design italiano diventano un palcoscenico unico di incontri pensati per promuovere la cultura del progetto grazie ai prestigiosi studi di architettura internazionali invitati a raccontare il proprio lavoro e a confrontarsi con le tematiche e la storia delle imprese italiane.

Attraverso i racconti dei lavori più recenti o ancora in corso d’opera a firma degli studi statunitensi “American Architects meet Italian Design” si struttura come un dibattito aperto in cui gli architetti invitati mettono in luce il loro modus operandi: la creatività, l’iter progettuale, il rapporto con la committenza, la ricerca di nuovi materiali, la sperimentazione di nuove tecnologie fino alla scelta delle finiture e degli elementi d’arredo.

“American Architects meet Italian Design” è una no-stop di tre giorni in cui gli studi sono invitati a confrontarsi con i produttori sui processi che portano alla realizzazione degli interni per i grandi progetti d’architettura. Come può un architetto stimolare le aziende italiane a realizzare prodotti adatti e competitivi per il mercato internazionale? Quali requisiti deve avere un prodotto per incontrare le esigenze del mercato?

Un’occasione di dialogo proficuo tra progettualità e imprese.

 

Il VALORE E LA STORIA DEL MADE IN ITALY

Il termine made in Italy è americano. Lo è a tutti gli effetti dal 1972 quando, con la mostra Italy: The New Domestic Landscape. Achievements and Problems of Italian Design organizzata da Emilio Ambasz (curatore della sezione Design al Museum of Modern Art di New York dal 1970 al 1976) al MoMA di New York e dedicata a mobili, lampade e apparecchi domestici, viene coniata l’espressione made in Italy. Un termine che oggi è universalmente riconosciuto come simbolo della qualità italiana e che decreta l’unicità del furniture design italiano nel mondo.

Con quell’esposizione il design italiano ha creato le fondamenta di un rapporto proficuo con l’altra parte dell’oceano: le aziende del Belpaese hanno messo a frutto una vocazione per l’internazionalità che è ancora nel dna dell’imprenditoria di settore e che, oggi più che mai, rappresenta un punto di eccellenza del sistema produttivo.

Il made in Italy è qualità: nell’invenzione e nel progetto, nella sapienza manifatturiera, nell’innovazione tecnologica, nella sperimentazione di nuovi materiali e nuove tipologie di arredo, valori di cui le aziende italiane sono portavoce e artefici.

A distanza di 43 anni, il rapporto di fiducia e di partnership che si è creato tra il design italiano, grazie all’operare dei grandi brand che l’hanno reso famoso, e il mondo del progetto statunitense resta immutato così come New York era e resta la capitale internazionale dove questo legame si consolida ogni anno.

Anche quest’anno New York accoglie il sapere del design made in Italy, lo ospita e lo condivide insieme a INTERNI, la rivista portavoce del design italiano nel mondo fin dal 1954 e a Salone del Mobile.Milano, la più importante fiera internazionale dell’arredo.

IT-footer


 

INTERNI International Design Appointments

INTERNI sottolinea la sua vocazione all’internazionalità e si attiva in concomitanza delle più importanti design week internazionali organizzando una ricca agenda di eventi. Il circuito, che coinvolge i più prestigiosi flagship store del design italiano, quest’anno prevede tre appuntamenti.

skyline-new-york

New York Design Week / 15-19 maggio 2015

Nella terza settimana di maggio gli showroom del design nei distretti creativi della Grande Mela saranno animati da Interni con incontri e conferenze che mettono a confronto la progettualità americana e l’impresa italiana.

LondonSkyline

London Design Festival / 19-27 settembre 2015

Durante l’evento londinese che a settembre celebra il design, Interni organizza incontri esclusivi che mettono a confronto i grandi progettisti internazionali con le migliori aziende italiane.

 Huntonit-Design-Miami-Skyline

Design Miami / Art Basel Miami Beach / 2-6 dicembre 2015

Arte e design si incontrano a diembre a Miami, in uno dei più celebrati e frizzanti eventi nel campo della creatività; per INTERNI collezionisti, artisti, imprenditori e progettisti raccontano e intrecciano i loro percorsi.


 

logo_salone

 

Il Salone del Mobile nasce nel 1961 per promuovere le esportazioni italiane di mobili e dei suoi complementi divenendo presto il punto di riferimento internazionale del settore arredo-casa dove idee, design, tecnologia, innovazione e qualità si incontrano nel segno di una creatività senza confronti. Testimone della sua internazionalità l’edizione dei Saloni WorldWide Moscow, che si tiene ogni anno a ottobre a Mosca attraendo operatori non solo russi ma provenienti dalle Regions, dai Paesi delle ex repubbliche sovietiche e da quelli baltici. Le due manifestazioni – con un selezionato numero di aziende espositrici rappresentative dell’eccellenza italiana – sono la vetrina a livello mondiale del made in Italy, espressione fra le più alte della cultura italiana. Il prodotto d’arredo italiano di qualità negli anni è passato dal suo stato di oggetto funzionale a vero e proprio oggetto del desiderio grazie a un processo industriale e culturale che coniuga artigianalità, innovazione, creatività e originalità, conosciuto nel mondo come made in Italy.

La 54a edizione del Salone del Mobile.Milano – andata in scena lo scorso aprile a Fiera Milano, Rho – si conferma nuovamente l’appuntamento mondiale da non perdere, con una presenza di operatori esteri pari al 69%. 310.840 i visitatori che hanno affollato i 20 padiglioni con oltre 2.000 espositori e i 700 giovani del SaloneSatellite.

Protagoniste la qualità dell’offerta merceologica, ma anche l’eccellenza degli espositori e la varietà dei visitatori; architetti, designer, buyer, facility manager, distributori e giornalisti di tutto il mondo hanno visitato il Salone attratti dalle novità dei prodotti e da ciò che farà tendenza.

Oltre al Salone Internazionale del Mobile e al Salone Internazionale del Complemento d’Arredo – che hanno accolto 1.504 espositori su un’area espositiva di 152.200 metri quadratiEuroluce, con i suoi 475 espositori, ha presentato le migliori proposte illuminotecniche. Collocata di fronte a Euroluce, in un percorso ideale che collega il mondo della progettazione della luce agli ambienti di lavoro, l’altra biennale degli anni dispari: Workplace3.0 – il nuovo SaloneUfficio. Un concept originale che ha saputo rinnovare con successo la proposta dedicata agli ambienti di lavoro, riunendo – con i suoi 127 espositori – il meglio del design e della tecnologia per ufficio.

Un importante evento multimediale – “IN ITALY” – ha arricchito l’offerta del Salone. Protagoniste 64 aziende italiane che si sono presentate in un filmato, divenuto installazione e poi App interattiva, scaricabile al link http://fipad.lynxitalia.it/InItaly/download.aspx, per promuovere l’Italian lifestyle e scoprire la qualità del made in Italy.

Immancabile il SaloneSatellite che, alla sua 18a edizione, ha ospitato 700 giovani designer e che, con il SaloneSatellite Award, ha premiato la miglior creatività under-35.

Prossimi appuntamenti:

  • a ottobre con i Saloni WorldWide Moscow
  • dal 12 al 17 aprile 2016 a Milano con il Salone e le biennali EuroCucina e Salone Internazionale del Bagno.