INTERNI. The Magazine of Interiors and Contemporary Design

Now Reading:
Dolci conversazioni
Archivio: Agenda

Dolci conversazioni

Ridefinire il Gioiello attraverserà Bologna, Verona, Genova e Firenze portando nelle strutture del Gruppo Duetorrihotels, le creazioni di 10 artisti selezionati dedicati al concetto di gioiello, in chiave gastronomica e di design

Primo appuntamento a San Valentino, Grand Hotel Majestic “già Baglioni” di Bologna, con il Maître pâtissier Gino Fabbri
Data Pubblicazione: 12 February 2018

Il gioiello contemporaneo si lascia gustare dal 14 al 25 febbraio al Grand Hotel Majestic “già Baglioni” di Bologna. In arrivo, nel giorno di San Valentino, le Dolci Conversazioni di Ridefinire il Gioiello a cura di Sonia Patrizia Catena, una proposta inedita e originale dedicata al gioiello sostenibile, quindi etico.

Le strutture del Gruppo Duetorrihotels ospiteranno una mostra itinerante che si sviluppa intorno all’idea di gioielli a tema food – realizzati con materiali naturali e sostenibili – e di dolci a tema gioiello, in un gioco di rimandi a specchio.

Saranno presentati 10 gioielli inediti, progettati da artisti italiani e stranieri e che saranno abbinati alle creazioni di 4 grandi pasticceri, uno per ogni città, Bologna, Verona, Firenze e Genova, pura espressione di una tradizione italiana raffinata. I gioielli saranno esposti insieme alle creazioni del pasticcere coinvolto, a cui serviranno da ispirazione.

Nascerà perciò una “dolce conversazione” nel nome dell’arte e del gusto, capace di deliziare al tempo stesso gli occhi e il palato.

Previous Next
Now Reading:
Homo Fluxus
Archivio: Agenda

Homo Fluxus

La prima collezione Uomo Bonotto: ricerca tessile, creatività distonica... e arte
Data Pubblicazione: 8 February 2018

Bonotto​, in occasione della Fiera Milano Unica, ha presentato nel suo showroom di via Durini a Milano la prima collezione Uomo in dialogo con alcune delle opere più importanti del movimento Fluxus della collezione d’arte aziendale.

Un viaggio nei primi anni Settanta nello spazio allestito a galleria, con una selezione di opere di uno dei movimenti artistici alla base dei sistemi visivi e concettuali contemporanei.

I video rarissimi di Jonas Mekas, le immagini di Joseph Beuys, distruzioni di Philip Corner e i dischi storici dell’etichetta d’avanguardia milanese Cramps dialogano con una collezione pensata per le esigenze di un nuovo consumatore contemporaneo.

Una frizione artistica spinge in avanti la ricerca nel tessuto e la creatività distonica di Giovanni Bonotto, che incontra per la prima volta la moda maschile.

La collezione Homo Fluxus è realizzata con lane finissime dell’alta tradizione biellese che incontrano visioni e riferimenti della cultura giapponese, per un nuovo concetto di street style.

 

Previous Next

 

Now Reading:
Lago a Palermo
Archivio: Agenda

Lago a Palermo

Giovedì 8 febbraio dalle 19 inaugurazione una serata dedicata al progetto Never Stop Living Kindness

Protagoniste nove donne siciliane che racconteranno il loro personale significato di gentilezza
Data Pubblicazione: 7 February 2018

Progettato per essere una vera e propria abitazione, con aree dedicate a tutte le stanza della casa, il Lago Store Palermo, situato nel cuore del quartiere Libertà, a pochi passi dal Borgo Vecchio, è il primo del capoluogo siciliano e secondo della regione, dopo Catania.

Lo spazio apre le sue porte giovedì 8 febbraio a partire dalle 19.00, con una serata dedicata a Never Stop Living Kindnessil progetto sulla gentilezza presentato durante la Design Week 2017.

Ospiti della serata saranno nove donne siciliane che si sono distinte in diversi settori, dall’arte alla cultura all’imprenditoria: l’architetto Giovanna Marcenò, l’imprenditrice e Presidente di Confcommercio Patrizia Di Dio, la giornalista Donata Agnello, la Marchesa Marialda Berlingieri, psicologa e collezionista d’arte, l’attrice di teatro Silvia Ajelli, la cantante jazz Simona Trentacoste, il critico d’arte Giulia Amodeo, la designer di gioielli Manuela Fecarotta, l’imprenditrice Natalia Ravidà daranno la loro personale interpretazione della gentilezza e racconteranno ai partecipanti quali sono i gesti e le abitudini che le fanno sentire a casa.

Lago da sempre intende il design come uno strumento di trasformazione sociale, in grado di indagare temi rilevanti per il vivere contemporaneo.

 

Previous Next
Now Reading:
Body Check
Archivio: Agenda

Body Check

Marco Palmieri ha curato l’allestimento della mostra dedicata agli artisti Maria Lassnig e Martin Kippenberger

Museion
Bolzano, fino al 6 maggio 2018
Data Pubblicazione: 7 February 2018

L’esposizione Body Check, curata da Veit Loers presso Museion, getta uno sguardo nuovo sull’opera di Maria Lassnig e Martin Kippenberger, mettendo in evidenza connessioni fino ad ora inesplorate tra queste due grandi personalità.

I due artisti non si conoscevano di persona e appartenevano a due generazioni diverse, eppure entrambi, in un momento in cui nell’arte prevaleva l’astrazione, hanno messo costantemente e definitivamente il corpo al centro della loro opera.

Il proprio corpo come espressione di un’esperienza sofferta, metafora di conflitti sociali e psicologici.

Il tema della relazione viene affrontato attraverso la scelta progettuale di Marco Palmieri di creare una separazione spaziale tra i due artisti.

In un articolato percorso, le opere sono esposte su una sequenza di pareti indipendenti, caratterizzate da una vicinanza fisica che enfatizza il confronto e allo stesso tempo l’autonomia dei due artisti.

Due nastri colorati, uno di fronte all’altro, distinti cromaticamente, si inseguono, articolando lo spazio in diverse stanze aperte, e invitano il visitatore ad esplorare le opere dei due autori.

La mostra apre la stagione espositiva 2018 di Museion, anno in cui il museo di arte moderna e contemporanea di Bolzano celebra i dieci anni nella nuova sede progettata dallo studio di architettura KSV di Berlino. 

 

Previous Next