Ferretti acquisisce Wally

In apertura del Salone nautico tedesco Boot Düsseldorf (19-27 gennaio 2019), Ferretti Group annuncerà l’ingresso di Wally, iconico brand della nautica di lusso ed emblema di design e innovazione, all’interno del portafoglio dei suoi brand.

Attraverso un accordo di licenza in esclusiva del brand Wally, il Gruppo arricchisce ulteriormente la sua gamma che diventa così la più ampia e innovativa dell’intera industria nautica italiana. 

Nel quadriennio 2019-2022 Ferretti Group investirà oltre 84 milioni di euro – 70 milioni di euro solo nei primi due anni – nello sviluppo del marchio e nella progettazione e realizzazione di nuove gamme di prodotti. I nuovi modelli Wally verranno costruiti negli stabilimenti di Ferretti Group, in particolare sarà la Super Yacht Yard di Ancona il cantiere di riferimento delle grandi costruzioni navali Wally.

Durante la conferenza stampa di Düsseldorf Ferretti Group presenterà anche il primo progetto della nuova era, il 48 Wallytender, che sarà una delle première più attese del Cannes Yachting Festival 2019.

 

L’avvocato Alberto Galassi, amministratore delegato di Ferretti Group, ha dichiarato: “Esiste da tempo una fascinazione reciproca fra noi e Wally e da oggi continueremo a sviluppare questo straordinario marchio con metodo, visione e investimenti. E con la stessa energia e creatività che hanno riportato Ferretti Group ai vertici della nautica mondiale. Da appassionato di nautica, non vedo l’ora di scoprire le barche che nasceranno dalla collaborazione in esclusiva con Luca Bassani: è facile prevedere che sposteranno in avanti l’orizzonte dell’innovazione e dell’avanguardia estetica”.

Luca Bassani, fondatore di Wally, ha commentato: “Il mercato oggi richiede investimenti importanti per sviluppare nuovi prodotti e nuovi mercati. Ferretti Group ha grandi capacità industriali, organizzative e commerciali e sarà in grado di dare impulso a Wally. Continuerò la mia attività di design e sviluppo dei progetti in esclusiva, dando continuità al DNA di Wally. Tutti gli anni e lo sforzo impiegati a costruire il marchio avranno un seguito. Non potevo augurare di meglio alla vita di Wally.”