Filati haute couture

Il concept della nuova boutique di Agnona di Londra, ideato da CQS Ciarmoli Queda Studio, con la direzione creativa di Simon Holloway, evoca le origini del brand come produttore di tessuti per l’haute couture

L’ispirazione nasce dall’architettura industriale dello stabilimento originario di Agnona, situato nella zona di Biella

 

 

Lo spazio, situato in Albemarle Street, nel prestigioso quartiere di Mayfair, ospita le collezioni prêt-à-porter, maglieria e home, oltre ad un’edizione limitata delle iconiche cappe disponibili per essere personalizzante con una selezione esclusiva di tessuti in cashmere.

 

 

Le razionali strutture metalliche modulari Nero Metal formano un versatile perimetro di scaffalature e pensili scanditi da elementi espositivi in legno che richiamano la navetta, un componente utilizzato per tessere i preziosi filati sull’ordito degli storici telai Agnona.

 

 

Il know-how tessile dell’azienda è narrato nelle pareti lavorate a mano – trattate per evocare la trama della Nuvola, la sciarpa in cashmere simbolo del marchio – nei telai metallici intrecciati sospesi dal soffitto e nei tappeti di lana a spina di pesce tessuti a mano, adagiati sul pavimento in Ceppo di Gré, pietra tipica della Lombardia.

 

La palette di colori neutri è valorizzata dagli eleganti arredi ispirati agli anni Cinquanta, realizzati in legno di Eucalyptus Frisé e rivestiti in velluto nei toni del taupe, del nude e di un inaspettato citrino.

Eleganti pannelli sono ricoperti da una carta da parati in seta ricamata a mano raffigurante il cardo dei lanaioli, un cardo naturale utilizzato nella tessitura per spazzolare e affinare le fibre nobili create da Agnona.